Sulla Reggia di Caserta

Interrogazione parlamentare presentata in Senato > LINK

Atto n. 3-01242 (in Commissione)

Pubblicato il 20 novembre 2019, nella seduta n. 167

CORRADO , ABATE , ANGRISANI , GAUDIANO , GRANATO , LA MURA , LANNUTTI , MARILOTTI , PAVANELLI , PIRRO , ROMANO , COLTORTI , CIOFFI , CASTELLONE , DE LUCIA , CASTIELLO , MANTOVANI , DRAGO , MAIORINO , PISANI Giuseppe , DELL’OLIO , SANTILLO , RUSSO , PERILLI , LEZZI , RICCARDI , LEONE , ANASTASI , MONTEVECCHI , AIROLA , PACIFICO , AGOSTINELLI , CAMPAGNA , NOCERINO , AUDDINO , GIARRUSSO , GALLICCHIO , ROMAGNOLI , FLORIDIA , PELLEGRINI Marco , MORRA , VANIN , QUARTO , PARAGONE – Al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo. –

Premesso che:

risulta agli interroganti che, la mattina del 30 ottobre 2019, un uomo (non nuovo, pare, ad analoghe bravate) è entrato con l’automobile nel parco della reggia di Caserta eludendo la sorveglianza di uno degli ingressi, forse quello di via Raffaele Gasparri;

senza che alcuno tentasse di fermarlo, ha parcheggiato il veicolo lungo un viale e ha raggiunto a piedi la fontana di Venere e Adone, situata a considerevole distanza dal varco che si presume che abbia utilizzato; indisturbato, è entrato nella vasca della fontana, ha passeggiato tra le sculture che la adornano e ha fatto il bagno, come dimostra un video (opera, evidentemente, di un complice) postato poi sui social network e riproposto dai media sul web;

testimone l’autore del gesto, sarebbe trascorsa una trentina di minuti prima che si materializzasse un addetto alla vigilanza per chiedere ragione di un contegno inappropriato che l’uomo ha giustificato definendolo un gioco teso ad attirare l’attenzione generale sull’inefficienza del sistema di sorveglianza;

il clamore suscitato dall’accaduto ha indotto l’architetto Tiziana Maffei, direttrice della reggia di Caserta (istituto del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo dotato di autonomia speciale), a denunciare l’uomo ai Carabinieri, verificare l’accaduto attraverso il sistema di sorveglianza della reggia, avviare un’inchiesta interna per accertare l’eventuale coinvolgimento del personale e reiterare pubblicamente una richiesta di denaro, pari a 7 milioni di euro, per il piano di messa in sicurezza dell’intero complesso, rivolta al Ministero dell’interno;

considerato che:

la reggia di Caserta, dal 1997, è uno dei poco più di 50 beni culturali italiani iscritti nella lista del patrimonio UNESCO ed è visitata annualmente da circa un milione di persone, la cui incolumità costituisce un’assoluta priorità;

ugualmente prioritario è che lo Stato garantisca la sicurezza delle tante opere d’arte presenti all’interno e all’esterno del palazzo reale vanvitelliano, avendo cura che i comportamenti dei visitatori ma anche le attività di promozione consentite dall’amministrazione non siano lesivi della dignità del complesso e dei singoli manufatti artistici ad esso spettanti;

i controlli di sicurezza e i sistemi di sorveglianza del palazzo e del parco reale hanno mostrato più volte lacune anche gravi imputate invariabilmente alla carenza di personale addetto alla vigilanza;

tale problematica, che è strutturale, non sgrava i dirigenti dei singoli luoghi della cultura statali dalle loro responsabilità, né li autorizza, come pure continua ad accadere, a bollare come fughe di notizie (e a minacciare azioni disciplinari) la propalazione all’esterno delle loro inadempienze, sia nel caso che emergano casualmente, sia che vengano fatte emergere dal personale per senso di responsabilità nei confronti dell’amministrazione,

si chiede di sapere:

quali azioni intenda assumere il Ministro in indirizzo per accertare tutte le responsabilità in ordine all’episodio occorso il 30 ottobre 2019 e quali provvedimenti finalizzati a ripristinare e garantire la piena sicurezza dei visitatori della reggia di Caserta in ogni spazio accessibile al pubblico;

se sia al corrente di quante unità compongano l’organico degli addetti alla sorveglianza del palazzo e del parco, quanti di costoro siano impegnati per ogni turno, feriale e festivo, e dove siano dislocati anche in rapporto ai varchi esistenti, nonché quali e quanti tra questi siano presidiati anche dal sistema antinitrusione e come quest’ultimo sia gestito;

se non ritenga necessaria e urgente la presa in carico, da parte dei vertici amministrativi del Ministero, della qualità del servizio offerto all’utenza, nei grandi attrattori come nei siti culturali statali più piccoli o defilati, anche sul piano della garanzia dell’incolumità personale e della sicurezza dei beni culturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *